Topless e orgogliosa di esserlo: donna di Dartmouth (Canada) abbraccia la vita dopo una doppia mastectomia

Christina Belding con una sua amica (Credit Robert Short - CBC)
Christina Belding con una sua amica (Credit Photo Robert Short - CBC)

Che si tratti di camminare lungo il bordo dell’acqua o di tuffarsi nell’oceano, Christina Belding si sente a suo agio in una delle spiagge preferite, vicino casa sua a Dartmouth, Nuova Scozia (Canada). E lo sta facendo mentre è in topless e senza seno.

Sta inconsciamente rivelando il suo petto piatto con due cicatrici di 20 centimetri dove aveva il seno prima che il cancro le invadesse il seno destro.

“I miei seni si sono già divertiti abbastanza”, ha detto durante un’intervista a Rainbow Haven Beach, una TV locale. “Preferisco un inizio piatto piuttosto che cercare di reinventare il passato con le tette”.

Belding ha notato per la prima volta un nodulo al seno destro durante un autoesame, che inizialmente era stato ignorato da una mammografia. Il giorno prima di compiere 52 anni, Belding è stata sottoposta a una doppia mastectomia presso l’IWK Health Center di Halifax all’inizio di marzo, pochi giorni prima che la pandemia COVID-19 fosse dichiarata. Ha optato per la cosiddetta chiusura piatta estetica, una procedura in cui il chirurgo crea un torace liscio e piatto senza grasso o pelle in eccesso.

Christina Belding (Credit Robert Short - CBC)In un mondo in cui la ricostruzione del seno post-mastectomia è la norma, questa è l’ultima cosa che voleva Belding. “Le tette si sono ritirate anticipatamente. Sono contenta che se ne siano andate perché mi sento più al sicuro”, ha detto.

Mantenere la sua salute è una delle maggiori priorità di Belding. Per ridurre il rischio di cancro, ha optato per una doppia mastectomia. Non ha mai considerato la ricostruzione del seno perché avrebbe comportato più interventi chirurgici e più rischi da complicazioni e protesi.

Per lei, niente di tutto ciò valeva la pena per un seno che non avrebbe avuto sentimenti e non avrebbe avuto altro scopo se non quello di “avere un bell’aspetto con una camicia”, ha detto con derisione nella sua voce.

In un mondo in cui i corpi delle donne sono oggettivati sessualmente, portando alcune a subire un intervento chirurgico alla ricerca di seni perfetti, Belding rifiuta quell’ipocrisia distruttiva.

In effetti, Belding – senza le sue coppe B – ha detto che sta ancora meglio nei suoi vestiti. Abbraccia il suo petto piatto, che ha reso più facile praticare sport, come il canottaggio. Le sue cicatrici ordinate, che protegge con una crema solare, le ricordano il rivestimento d’argento del cancro.

“Mi sono sempre sentita fortunata anche con tutte le cose traumatiche e le avversità che sono successe alla mia vita, mi vedo come una sopravvissuta”, ha detto.