Truffa “del pacco” agli anziani, i nomi degli otto arrestati

Si fingevano parenti delle vittime, solitamente figli o nipoti, e poi chiedevano telefonicamente agli anziani di pagare somme di denaro a un fantomatico corriere che di lì a poco sarebbe arrivato per consegnargli un pacco, all’interno del quale c’erano bagnoschiuma, calzini o altri oggetti privi di valore. Così nonni e anziani genitori spesso, illudendosi di poter risolvere lo stato di difficoltà dei parenti, versavano il denaro nelle mani dei truffatori, scoprendo poi che nulla di ciò che era stato loro detto corrispondeva alla realtà. La rete di raggiri è andata avanti per oltre un anno, fino a quando i carabinieri di Caserta non hanno messo alle strette i truffatori, che, tra tentativi andati a buon fine o meno, hanno colpito per ben 86 volte nelle province di Caserta, Napoli e Salerno assicurandosi un bottino di circa 100mila euro tra contanti e gioielli.

Questa mattina i militari dell’Arma hanno arrestato 8 persone, disarticolando così la banda di truffatori a capo della quale c’era secondo gli inquirenti il 45enne napoletano Gennaro Altamura.

Questo l’elenco degli arrestati. In carcere sono finiti:

Gennaro Altamura, 45 anni, di Napoli;

Raffaele Altamura, 21 anni, di Napoli;

Edgardo Altamura, 23 anni, di Napoli;

Vincenzo Tipaldi, 48 anni, di Napoli, attualmente ristretto presso la casa circondariale di Benevento;

Francesco Palladini; 26 anni, di Napoli, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Agli arresti domiciliari:

Vincenzo Spera, 22 anni, di Napoli;

Anna Muscerino, 33 anni, di Napoli;

Giovanni Varriale, 52 anni, di Napoli.