Tutte le novità per le persone con disabilità nella Legge di Bilancio della Regione Campania

La Giunta Regionale ha approvato il Disegno di Legge di Stabilità per il 2022, e il Disegno di legge di Bilancio per il triennio 2022-2024.

Nei documenti di finanza approvati è stata prevista la piena tutela delle fasce deboli, delle politiche sociali, e introdotti criteri di progressività sui tributi regionali.

La manovra finanziaria inoltre prevede la salvaguardia di alcuni servizi ritenuti prioritari quali il trasporto pubblico gratuito per gli studenti, il contenimento dei canoni idrici e dell’edilizia sociale.

Per cui il Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Gennaro Oliviero, ha approvato la manovra di Bilancio della Regione Campania per il triennio 2022/2024.

In particolare:
Istruzione: proseguire gli interventi messi in campo negli anni precedenti, come ad esempio “Scuola Viva”, finalizzandoli al contrasto alla dispersione scolastica, al rafforzamento delle competenze, a creare una maggiore sinergia tra la scuola, il territorio ed il mercato del lavoro.

Sostenere le famiglie disagiate e i ragazzi con disabilità o bisogni educativi speciali e supporto all’osservatorio delle politiche dell’istruzione.

Le tipologie di azioni pertinenti ipotizzate nell’ambito dell’obiettivo specifico sono: interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità, tra cui anche persone con disabilità (azioni di tutoring e mentoring, attività di sostegno didattico e di counselling, attività integrative, incluse quelle sportive, in orario extra scolastico, azioni rivolte alle famiglie di appartenenza).

Politiche sociali: individuare, nell’attuale fase di profonda difficoltà socioeconomica uno strumento che alla pari dell’intervento già effettuato con il Piano socio economico, garantisca supporto assistenziale ed economico alle categorie sociali maggiormente danneggiate dalla pandemia, intervenendo prioritariamente nelle seguenti linee di azione: povertà economica, educativa, abitativa e di salute, sostegno agli anziani e alle persone con disabilità in condizioni di vulnerabilità.

Ciò, eventualmente anche attraverso una legge sulla non autosufficienza e disabilità, mettendo la persona al centro dell’intervento, con particolare riferimento a disoccupati, giovani, percettori di sostegni al reddito, donne vittime di violenza, persone appartenenti ad etnie diverse, lavoratrici e lavoratori discriminate/i sui luoghi di lavoro.

Servizi per lo sviluppo del mercato del lavoro: sostegno all’inserimento e al reinserimento lavorativo delle persone con disabilità e dei soggetti svantaggiati attraverso percorsi di inclusione socio-lavorativa; sostegno e sviluppo dell’autoimprenditorialità e di una diffusa cultura d’impresa.

“Vita indipendente” (promozione dei diritti e integrazione delle persone con disabilità): questo tema è da considerare una delle priorità della nuova programmazione finalizzata alla promozione dei diritti e l’integrazione delle persone con disabilità.

Anche attraverso un intervento di legislazione regionale, saranno individuati i servizi destinati al mondo della disabilità che assicurino – attraverso adeguate e idonee fonti di finanziamento – l’indipendenza dei soggetti fragili con l’immediata attivazione, in una prima fase, di progetti sperimentali.

Con Deliberazione di Giunta Regionale n. 528 del 25/11/2020 sono state programmate risorse in favore di interventi di inclusione sociale per le persone con disabilità sensoriale, destinate a finanziare progetti individuali che favoriscano la vita indipendente e la collaborazione nella sua realizzazione, in collaborazione e di concerto con l’Ambito territoriale di riferimento, quali:
assistenza personale; supporto all’abitare in autonomia (sperimentazione di housing e co-housing sociale); inclusione sociale e relazionale (compresi orientamento al lavoro, tirocini formativi, attività sportive, attività artigianali, attività culturali); trasporto sociale; domotica; programmi di accrescimento della consapevolezza, di abilitazione e di sviluppo delle competenze per la gestione della vita quotidiana e per il raggiungimento del maggior livello di autonomia possibile.

È stato previsto inoltre un rafforzamento di attività in favore delle disabilità visive, che per effetto del rallentato avanzamento risultano indebolite e in favore di interventi per gli alunni con disabilità visiva, attraverso la fornitura agli stessi di testi scolastici in formato braille e/o a caratteri ingranditi, in modalità cartacea o elettronica, per consentir loro di prendere parte utilmente alle attività scolastiche, in linea con la programmazione già disposta con la Deliberazione di Giunta Regionale 405/2020.

Affinché gli studenti con disabilità, possano esprimere al meglio le proprie abilità e potenzialità all’interno del contesto scolastico e sociale, al fine di realizzare il miglioramento della qualità della vita, in particolare, tenuto conto della emergenza epidemiologica in corso, costituisce punto di forza della scuola il fatto che tutti gli alunni, a prescindere dalle loro diversità funzionali, possano realizzare esperienze di crescita individuale e sociale.

Con Delibera di Giunta Regionale n. 137 del 31/03/2021 sono state programmate risorse pari a:
-euro 900.000,00 per azioni sperimentali a titolarità regionale in favore di alunni con disabilità fisica e sensoriale.

Con particolare riferimento alla tematica dell’inclusione e protezione sociale, sono state oltremodo rafforzate le misure a sostegno delle persone con disabilità, in particolare attraverso il riconoscimento ed il rafforzamento del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare nell’ambito della rete di assistenza alla persona.

Pertanto, con Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 23/03/2021 sono state programmate, per la realizzazione di interventi per il riconoscimento ed il sostegno del ruolo del caregiver familiare nell’ambito della rete di assistenza alla persona, risorse complessive per euro 12.000.000,00, per la realizzazione di percorsi di sensibilizzazione, informativi e formativi per il corretto svolgimento del lavoro di cura;

l’introduzione a finanziamento del Bonus in favore delle persone con disabilità per il sostegno dei caregiver familiari, come definiti dal DM del 27 ottobre 2020 in coerenza con le indicazioni emerse nell’ambito delle riunioni dell’Osservatorio Regionale sulla condizione delle persone con disabilità.