“Un Altro Futuro è Possibile”, l’iniziativa dei commercianti di Santa Maria C.V. “No agli acquisti online”

GIORDANI
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Senso di comunità, collaborazione tra piccoli imprenditori e tanta, tanta fiducia nel commercio di vicinato.

Sembra essere stato questo il mix giusto che ha spinto Domenico e Daniele Grimaldi, commercianti nel mondo della somministrazione a chiamare a raccolta più di venti commercianti di Santa Maria Capua Vetere e farli partecipare all’iniziativa “Un Altro Futuro è Possibile” ovvero un appello a tutti i sammaritani a preferire il commercio della propria città, gli artigiani e i piccoli imprenditori, anziché fare acquisti online o nei grandi centri commerciali.

glp-auto-336x280
lisandro

Confesercenti provinciale di Caserta ha patrocinato e sostenuto questo evento “Riteniamo questa iniziativa valida ed originale – ha dichiarato il presidente di Confesercenti Provinciale di Caserta Salvatore Petrellail Natale è il periodo più importante dell’anno per le attività che noi rappresentiamo e l’auspicio e’ quello di invertire il trend in alcuni settori particolari come quello dell’abbigliamento e delle calzature, con questa iniziativa invitiamo i consumatori a splendere negli esercizi di vicinato delle città”

“Per le festività natalizie riscoprire la bellezza di toccare con mano prodotti e articoli -dichiarano i commercianti coinvolti nel video che sta spopolando sul web – e renderete la magia del Natale ancora più bella perché condivisa con i commercianti della vostra città. Abbiamo sentito l’esigenza di tornare ad essere comunità, ma soli non si va da nessuna parte. Insieme con molti nostri colleghi abbiamo avviato questa iniziativa che ha come scopo quello di attutire i colpi di una crisi economica perenne e tentare attraverso la collaborazione tra imprenditori, cittadini e istituzioni, di far rivivere quel senso di comunità ai cittadini di Santa Maria Capua Vetere – che negli ultimi anni sembrava essersi disperso a causa di una vita sempre più frenetica e dopata da e-commerce sempre più aggressivo e distruttivo delle tipicità dei posti”