Un giovane casertano ha minacciato di farsi esplodere durante la partita Italia – Inghilterra

Nella serata di ieri a Caserta, mentre era in corso la partita di calcio Italia-Inghilterra valevole per il titolo di campioni Europei, un 27enne casertano – in atto sottoposto alla misura dell’affidamento in prova ai servizi sociali – in via dell’Unità italiana, non distante da un distributore di carburanti, ha minacciato di farsi esplodere con un ordigno improvvisato che aveva allacciato all’addome con nastro adesivo.

La notizia, che abbiamo anticipato in precedenza, è stata appena confermata da un comunicato stampa del Comando Provinciale Carabinieri di Caserta.

Sul posto sono immediatamente intervenuti i Vigili del Fuoco ed un negoziatore del Reparto Operativo – Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri che, dopo aver mediato con il malintenzionato è riuscito a convincerlo a non compiere l’insano gesto.

Costui infatti, ritornato alla ragione, si è disfatto dell’ordigno allontanandosi repentinamente. Immediatamente rintracciato da una pattuglia del Radiomobile della Compagnia di Caserta è stato bloccato e trasportato con il 118, presso l’ospedale “Moscati” di Aversa (CE) per i controlli sanitari del caso, a seguito dei quali è risultato positivo ai cannabinoidi. Il giovane è stato deferito in stato di libertà per detenzione e porto di materiale esplosivo nonché per resistenza a P.U.

La mediazione del negoziatore è stata favorita dal fatto che, al momento del suo intervento, le migliaia di tifosi non ancora si erano riversati per strada a festeggiare la vittoria della nazionale italiana.

L’ordigno artigianale è stato posto sotto sequestro da personale degli artificieri del Nucleo Investigativo di Caserta. Il movente sarebbe, verosimilmente, riconducibile ad asseriti motivi personali. Pare, infatti, che il giovane abbia tentato il suicidio dopo essere stato lasciato dalla fidanzata.