Consiglio regionale Campania: una legge per le madri detenute con figli, la proposta di Oliviero

Consiglio regionale Campania: una legge per le madri detenute con figli, la proposta di Oliviero
Un bimbo dietro le sbarre
HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

“Mai piu’ bambini in carcere, tuteliamo i diritti dell’infanzia”

Ieri mattina si è svolta la visita istituzionale del Presidente del Consiglio regionale della Campania, Gennaro Oliviero, all’Istituto a custodia attenuata per madri situato a Lauro, in Irpinia.

Il Consiglio regionale della Campania lo scorso anno approvò all’unanimità la proposta di legge per consentire alle madri in carcere con figli di essere ospitate in ambienti più accoglienti per i minori quali le case-famiglia.

glp-auto-336x280
lisandro

Tale istanza, approvata nella scorsa legislatura, ha poi subito uno stop. All’incontro ha preso parte anche Paolo Siani – fratello del giornalista assassinato dalla camorra Giancarlo Siani – primario di pediatria dell’ospedale Santobono di Napoli ed ex deputato, gli onorevoli Michela Di Biase e Marco Furfaro ed il Garante dei detenuti Samuele Ciambriello.

Oliviero, Ciambriello e Direttrice Carcere di Lauro RomanoConsiglio regionale Campania: una legge per le madri detenute con figli, la proposta di Oliviero
Oliviero, Ciambriello e Direttrice Carcere di Lauro Romano

Il Consiglio regionale della Campania, lo scorso anno, approvò all’unanimità la proposta di legge avanzata da Paolo Siani in Parlamento per ottenere maggiore tutela dei minori reclusi con le loro madri. Il fine ultimo era quello di non avere più bambini in carcere. Una proposta che venne però emendata e non approvata.

Siamo pronti a riprovarci e ci aspettiamo che gli altri Consigli regionali facciano altrettanto. La detenzione dei bambini è un trattamento inumano, bisogna accelerare per dare concretezza alla nostra istanza e tutelare i diritti dell’infanzia”, ha concluso Oliviero.

Intanto dal gennaio 2023 Montecitorio ha dato il via libera a una corsia preferenziale per far uscire dagli istituti di pena i figli delle madri detenute