Vaccini Covid-19: il grande rebus. L’analisi del prof. Antonio Salvatore

Vaccino Covid-19

La vicenda vaccini diventa sempre più complessa. Giova ricordare che il Ministero dello Salute, con Decreto del 2 gennaio 2021, ha approvato il Piano strategico nazionale vaccini anti Covid-19 per un totale di 226,2 mln di vaccini.

La tabella che segue illustra il programma di fornitura. E’ agevole rilevare che il Piano, per come concepito, prevede che, con 102,2 mln di dosi e con la doppia somministrazione (a 21 giorni per il vaccino della Pfizer e a 28 per quello di Moderna), l’Italia – che oggi detiene il primato in Europa per persone vaccinate – avrebbe ben potuto conseguire l’immunità di gregge nel prossimo autunno.

Le criticità degli ultimi giorni ci dicono, purtroppo, che i nodi da sciogliere sono ancora molti. La capacità produttiva delle aziende, le loro politiche commerciali, le modalità di distribuzione alle Regioni, il personale da destinare alla somministrazione massiva, gli accordi con i medici di famiglia e farmacie per la somministrazione del vaccino AstraZeneca, i criteri di riparto, sono solo alcuni dei problemi da risolvere con urgenza.

ll programma di fornitura è stato pertanto rimodulato come da prospetto che segue. Vanno aggiunte 1.089.573 dosi di vaccino AstraZeneca, il cui criterio di riparto è ancora oggetto di discussione.

Il vaccino AstraZeneca presenta una efficacia al 59,5% della riduzione delle infezioni sintomatiche e il CTS di AIFA ha inoltre evidenziato incertezze sull’efficacia per gli over 55. Pertanto, sono state previste due raccomandazioni:
1. l’utilizzo preferenziale del vaccino in soggetti tra i 18 e i 55 anni;
2. l’utilizzo preferenziale di vaccini a RNA per soggetti anziani e/o fragili.

L’azienda britannica ha garantito una fornitura di circa 1 mln di dosi per febbraio e di 3,4 mln per il primo trimestre 2021. Ma poiché ne erano state preventivate 8 mln nel trimestre, mancano all’appello 4,6 mln di dosi. Il che significa che il nostro Paese, per il mese di febbraio, potrà contare su circa 4 mln di dosi dei tre vaccini approvati, invece dei
6,8 mln inizialmente previsti dal Piano (il 40% in meno). Il Piano andrà quindi rivisto urgentemente.

REPORT VACCINAZIONE E DISTRIBUZIONE DOSI

Dosi consegnate al 31.01.2021 = 2.324.985
Dosi somministrate al 31.01.2021 = 1.958.691 (84% delle dosi consegnate).
Operatori Sanitari (71%) – Personale non sanitario (19%) – Ospiti RSA (9%) – Over 80 (1%)
Persone vaccinate (doppia dose) = 617.867 (31% dei somministrati).



(*) Prof. Antonio Salvatore, Direttore Scientifico e Responsabile dello Sportello Salute ANCI Campania, Docente presso l’Università degli Studi Federico II di Napoli