Vaccini, oggi a Caserta via al ModernaDay mentre termina con successo la 24 ore di AstraZeneca

Immagine di repertorio

Con questa mattina è iniziato anche il Moderna Day, la 24 ore dedicata alle somministrazione del vaccino Moderna per la fascia degli over 65, con una adesione intorno al 65%, numero decisamente alto considerata l’età dei vaccinandi.
Questa volta però il vaccino non sarà somministrato presso la sola Caserma Ferrari Orsi, ma presso tutti centri vaccinali dell’Asl di Caserta.

Dalle ore 9.00 alle ore 23.00 tutti coloro che si sono precedentemente registrati a partire dal 17 maggio, sulla piattaforma indicata dall’Asl nei comunicati potranno recarsi nei centri vaccinali presso cui sono stati poi chiamati dopo la prenotazione.

Il “Moderna Day” durerà di meno, tenendo conto dell’età più avanzata degli utenti. I posti a disposizione, fa sapere l’Asl guidata dal direttore generale Ferdinando Russo, “sono stati assegnati in base all’ordine cronologico di iscrizione e distribuiti nei vari centri vaccinali dell’Asl, all’esaurimento dei posti è previsto overbooking; la coda di overbooking verrà utilizzata per successive convocazioni“.

Ed è stata una lunga notte dopo un lungo giorno quello dell’AstraDay, un nuovo successo di adesioni, inferiore ai 30 anni l’età media dei seimila aderenti, anzi 5700 dosi iniettate in 24 ore, praticamente mancano all’appello 300 prenotati. Ieri notte, già ben oltre le 23.00 via Laviano, la strada di accesso per l’ingresso alla Brigata Garibaldi era praticamente ancora affollatissima di auto in attesa, a testimonianza della enorme partecipazione della popolazione e dei giovani in particolare, che come più volte ribadito, si sono precipitati. La coda di auto iniziava già da piazza Generale dalla Chiesa per incanalarsi ordinatamente nella corsia preferenziale per l’ingresso.

Come già accaduto per il precedente AstraDay l’organizzazione è stata impeccabile, 300 dosi all’ora, atmosfera di grande entusiasmo da parte dei prenotati ma anche del personale tutto, militari, volontari e personale sanitario che hanno ricevuto anche un inaspettato omaggio da un’associazione di ristoratori casertani: pizza per tutti per ringraziare il duro e attento lavoro di questi ultimi mesi.