Valentina Morchio, modella di Marcianise: “Non c’è niente di male ad essere sexy”

Valentina Morchio

Non è da tutte passare con tanta disinvoltura dalle sfilate in abito da sposa alle foto glamour. Ci riesce benissimo Valentina Morchio, poliedrica modella e fotomodella emergente di Marcianise (CE).

Con la sua fisicità – altezza di 176 cm, misure 96-66-98 – e la sua bellezza procace e naturale, Valentina si è guadagnata in poco tempo l’attenzione degli addetti ai lavori del settore della moda in tutta la Campania. Non soltanto la bellezza: Valentina è innanzitutto una studentessa universitaria, ha recitato come comparsa in due importanti produzioni ed ha pubblicato un romanzo.

Ecco perché abbiamo scelto Valentina per la copertina di agosto di CasertaWeb. Le foto sono di Francesco Norcia. Di seguito la galleria fotografica e l’intervista per conoscere il personaggio di Valentina Morchio.

Modella, fotomodella o altro? Come ti definisci?
A me piace tantissimo sfilare, quindi dico modella. Ma ultimamente mi sono lanciata molto come fotomodella. Sto migliorando sempre di più.

Com’è iniziata la tua carriera?
Nel 2017 alcune mie amiche mi hanno spinta a partecipare ad un concorso di bellezza in riva al mare. Lì ho vinto e sono stata notata da un’insegnate di portamento. Ho frequentato la sua scuola per qualche mese, poi mi sono dovuta fermare per un problema alla schiena.
Ho ripreso un paio di anni dopo perché nel liceo che frequentavo c’era anche l’indirizzo di arte e moda, sfilavo con i vestiti disegnati dai ragazzi.
Dopo la pandemia ero distrutta ed avevo bisogno di riemergere perché ero rimasta di nuovo ferma. Così ho iniziato a collaborare con un’agenzia, la Montana Management Agency, che mi ha fatto fare tanti lavori.

Hai mai partecipato a concorsi di bellezza?
Ne ho fatti soltanto due minori, tra cui quello che ti ho raccontato. Poi mi sono dedicata completamente alle sfilate, in particolare quelle in abito da sposa. Infatti, ho collaborato anche con Il Calendario delle Spose. Ho fatto anche tanti servizi fotografici e lavori da hostess.

Hai scattato foto di generi moto diversi…
Sì, il glamour è il genere che mi piace di più. Mi sento molto più a mio agio. Mi piacciono le foto artistiche. In realtà c’è tutto un discorso dietro: oggi le ragazze vengono giudicate molto duramente quando pubblicano una foto che lascia intravedere qualcosa del loro corpo. Io mi batto molto contro questo. Ovviamente senza sfociare nella volgarità ma per una questione di principio e di libertà di espressione.

Che rapporto hai con i Social Network?
A me piace tantissimo condividere anche cose della mia vita personale. Pubblico sia cose divertenti che foto dei miei lavori. Ho 2.600 followers su Instagram, non sono molti per una ragazza che fa la modella. Molti sono amici, interagiscono tanto con me. Ci sono anche tante persone che mi criticano senza motivo ma ormai mi sono abituata a quello.

Il tuo fidanzato è geloso di tutto questo?
È proprio grazie a lui che mi sono lanciata. Mi spinge molto, non è affatto geloso. Qualche volta abbiamo fatto anche dei lavori insieme perché è stato notato e gli hanno chiesto di lavorare come modello.

Sapresti spiegarmi a parole tue cosa c’è di bello per una ragazza nel fare la modella?
Siamo abituate ad ammirare sin da bambine le modelle famose ma senza sapere che dietro ci sono tanti sacrifici e tanto lavoro. Nel mio caso, sfilare mi ha aiutata tanto per una questione di autostima. Mi fa stare bene. Mi diverto quando scatto le foto, mi sento libera quando sfilo.

Hai accennato all’autostima…
Devi sapere che da piccola odiavo i tacchi. A causa della mia altezza mi sentivo sempre a disagio. Mi sentivo diversa rispetto alle mie coetanee. Ho subito bullismo, addirittura anche da parte di alcuni professori a scuola, sia per la mia altezza che per la magrezza. Ho avuto problemi anche per il mio seno che era giudicato troppo abbondante: per alcune sfilate mi hanno chiesto di dimagrire nonostante fossi già molto magra. Sono sempre stata infastidita anche dai giudizi, dalle battutine, dalle chiacchiere della gente.

Poi, quando sono stata scelta per dei lavori importanti, ho capito che non c’era niente di male in me. Non mi sono montata la testa, so che ci sono tante altre belle ragazze, ma adesso mi vado bene per come sono.

Come ti vedi da grande? Qual è il tuo vero obbiettivo?
Parto dal presupposto che non so cosa mi riserverà la vita. Studio Lingue all’Orientale di Napoli, Inglese e Spagnolo. Mi piacerebbe insegnare lingue al liceo perché mi piace stare vicino ai ragazzi in un momento della loro vita che è cruciale.

Segui Valentina Morchio su Instagram.