Variante Anas (SS 700) a doppia corsia per senso di marcia, la Camera da il via allo studio di fattibilità

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Il Governo ha preso l’impegno di valutare il finanziamento per lo studio di fattibilità tecnica ed economica per rendere la Variante Anas (SS 700) a doppia corsia. Inizia così l’iter per risolvere i ben noti problemi di viabilità e sicurezza dell’importante arteria stradale che collega Santa Maria Capua Vetere e Maddaloni passando per Caserta.

La mozione è stata presentata dagli onorevoli Gianpiero Zinzi, Marco Cerreto, Gimmi Cangiano e Stefano Graziano ed è stata approvata ieri dalla Camera dei Deputati.

glp-auto-336x280
lisandro

“Sono felice di annunciarvi che il Governo ha appena espresso in Aula parere favorevole sul mio ordine del giorno che chiede di intervenire sulla SS700, meglio nota come “Variante” di Caserta. Inizia così l’iter per ottenere il raddoppio di un asse viario importante, ma che vogliamo sia più funzionale e sicuro per i cittadini casertani. Il mio pensiero va a Marco e alle tante persone che su quelle strade hanno perso la vita” così l’onorevole Gianpiero Zinzi, primo firmatario dell’ODG, ha annunciato su Facebook la notizia.

Rendere a due corsie per senso di marcia la SS 700 è la soluzione che i parlamentari casertani propongono per risolvere definitivamente le criticità dell’asse viario che costituisce di fatto la tangenziale del capoluogo casertano. La Variante Anas attualmente è costituita da una sola corsia per senso di marcia, lunga 16,7 km, con una galleria e 9 svincoli.

Negli anni la Variante Anas ha mostrato grave inadeguatezza nella sua concezione: traffico congestionato nelle ore di punta, continue chiusure per manutenzione e tanti incidenti, talvolta anche mortali. Altri fattori di rischio sono determinati dalla presenza di curve e dalla guida indisciplinata di troppi utenti della strada, essendo mancati per anni controlli delle Forze dell’Ordine e sistemi quali tutor e autovelox.

Da Caserta i consiglieri comunali di opposizione plaudono all’iniziativa del deputato Zinzi: “Senza una viabilità adeguata alle effettive esigenze dei cittadini e delle imprese non si crea sviluppo”.