V:ertigo in Ateneo, l’Università Vanvitelli ed il Liceo Manzoni insieme per un progetto sul cinema

Il progetto sul cinema V:ertigo in Ateneo.
termotecnica-2023
termotecnica-2023
previous arrow
next arrow

Caserta – Il Rettorato dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” ospiterà, il 27 marzo e il 6 maggio 2024, 200 studenti del Liceo Manzoni di Caserta, guidato dal Dirigente Scolastico Adèle Vairo, nell’ambito del progetto V:ertigo in Ateneo.

Durante le sessioni, gli studenti potranno partecipare a stimolanti proiezioni, incontri e seminari sull’affascinante tema di Cinema e Follia.

lapagliara
GPL-AUTO
previous arrow
next arrow

Il 27 marzo, i riflettori saranno puntati su 𝐃𝐚𝐦𝐢𝐚𝐧𝐨 𝐞 𝐅𝐚𝐛𝐢𝐨 𝐝’𝐈𝐧𝐧𝐨𝐜𝐞𝐧𝐳𝐨, due giovani registi che si sono imposti nel panorama del cinema italiano con opere come “La terra dell’abbastanza” e “Favolacce”. In un talk , moderato dal critico cinematografico 𝐅𝐞𝐝𝐞𝐫𝐢𝐜𝐨 𝐏𝐨𝐧𝐭𝐢𝐠𝐠𝐢𝐚, i due fratelli analizzeranno i personaggi iconici dei loro film, esplorando il tema della follia in tutte le sue sfaccettature.

Il 6 maggio, un altro grande nome del cinema italiano incontrerà gli studenti: 𝐌𝐚𝐫𝐢𝐨 𝐌𝐚𝐫𝐭𝐨𝐧𝐞. Il regista di film come “Morte di un matematico napoletano” e “L’amore molesto” dialogherà con il pubblico su Cinema e Letteratura, svelando il rapporto tra la sua poetica cinematografica e le grandi opere letterarie che lo hanno ispirato.

V:ertigo in Ateneo è un progetto promosso dall’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, con la direzione scientifica affidata al Professor Antimo Cesaro, Delegato alla Cultura, e alla Professoressa Marianna Pignata, Delegata alle Pari Opportunità. L’organizzazione è gestita da Cineventi, con la direzione artistica affidata a Remigio Truocchio. Il progetto è finanziato dal Ministero della Cultura, Direzione generale Cinema e Audiovisivo e realizzat in collaborazione con la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Campania.

L’obiettivo principale del progetto V:ertigo in Ateneo è quello di incentivare la cultura del cinema come forma d’arte, strumento di crescita culturale, comunicazione e coesione sociale, anche all’interno dell’ambiente universitario. Si tratta di una grande opportunità per tutti coloro che desiderano approfondire la conoscenza del settore cinematografico e comprendere l’importanza della settima arte nella società contemporanea.