In Vespa da Caserta a Bari, il Trofeo del Mezzogiorno dopo 60 anni collega di nuovo le due città

Caserta – Tutto pronto per il secondo Trofeo Vespistico del Mezzogiorno “Caserta-Bari”, un evento frutto del grande impegno dei membri del Vespa Club Maddaloni che negli ultimi mesi si sono dati un gran da fare per organizzare la “traversata” nel migliore dei modi. Si tratta di una rievocazione dell’evento che nel lontano 1958, sessant’anni fa, vide sfidarsi cento piloti a bordo della Vespa. Nella tre giorni prevista tra il 31 agosto e il 2 settembre (unico giorno di gara sabato 1) si potrà rivivere in parte l’atmosfera del miracolo italiano e di quel Paese in forte espansione industriale (e culturale) che ora sembra un lontano miraggio.

Rispetto all’evento di allora infatti cambierà davvero poco: sessant’anni fa l’obiettivo era quello di pubblicizzare la Vespa Piaggio e anche nella manifestazione in programma nel weekend saranno utilizzati alcuni modelli d’epoca prodotti tra il 1948 e il 1958. Il percorso di 335 chilometri sarà completato in oltre 10 ore e la “sfilata in Vespa”, partendo dalla Reggia di Caserta, toccherà province importanti come Benevento, Avellino, Foggia e Potenza prima dell’approdo a Bari intorno alle 17.30.

Dopo la prima conferenza stampa che si è svolta a Maddaloni lo scorso giugno, ieri 28 agosto l’evento è stato presentato anche a Bari grazie agli interventi del presidente del Municipio I del capoluogo pugliese Micaela Paparella e del presidente del Vespa Club Maddaloni Vincenzo D’Angelo.

“La citta di Bari è lieta di ospitare la manifestazione rievocativa del Trofeo Vespistico del Mezzogiorno “Caserta-Bari”– ha detto Micaela Paparella – riproposto dagli organizzatori in maniera molto accurata. È appena il caso di sottolineare che persino la segnaletica lungo il percorso della gara è esattamente uguale a quella utilizzata nel 1958. Uguale anche il numero dei piloti: saranno in cento a misurarsi in questa competizione, a cui – mi piace ricordarlo – gareggeranno tre donne. Desidero ringraziare per lo sforzo organizzativo il presidente Vincenzo d’Angelo e quanti hanno collaborato per la tappa barese conclusiva della gara, che darà l’opportunità di veder sfilare sul nostro lungomare vespe d’epoca con a bordo i loro piloti”.

Si tratta di una puntuale rievocazione storica” ha detto Vincenzo d’Angeloche abbiamo voluto fosse il più possibile aderente a quella che si è tenuta nel 1958, quando dalla Reggia di Caserta cento piloti partirono per un gara di regolarità organizzata allora dal Vespa club Italia con la finalità di pubblicizzare le vespe. Con la partecipazione di Antonio Bernardo, primo pilota sulla linea di partenza nell’edizione ’58, oggi novantaseienne, possiamo ritenere con soddisfazione di aver raggiunto l’obiettivo storico e rievocativo della manifestazione”.

Tra i cento piloti al via persone in arrivo da quasi tutte le regioni italiane e da Paesi esteri quali Svizzera, Austria e Germania. Queste le tappe della manifestazione, che ha ricevuto il patrocinio dei comuni di Bari e Caserta.

Caserta: partenza dalla Reggia alle ore 8;

Maddaloni (CE): lungo SS7 (via Libertà, via Caudina) alle ore 8.15;

Montesarchio (BN): arrivo al punto di controllo nel piazzale del Bar Carmelo alle ore 8.45;

Benevento: arrivo al punto di controllo in piazza Castello alle ore 9.20;

Buonalbergo (BN): arrivo al punto di controllo in piazza Castello alle ore 10;

Candela (FG): arrivo al punto di controllo in piazza Plebiscito alle ore 12;

Villaggio Piaggio – Z.I. Melfi (PZ): arrivo al punto di controllo alle ore 12.45 (si prosegue verso Lavello – PZ);

Altamura (BA): arrivo al punto di controllo su corso Federico II di Svevia alle ore 15.15;

Cassano delle Murge (BA): passaggio in centro lungo SP145, SP236 e SP48 alle ore 16.20;

Acquaviva delle Fonti (BA): arrivo al punto di controllo dinnanzi alla Cattedrale in piazza dei Martiri alle ore 16.30;

Bari: arrivo dei piloti su lungomare Nazario Sauro alle ore 17.30.