Visita esclusiva mostra dedicata a Luigi Vanvitelli alla Biblioteca Nazionale di Napoli

Visita esclusiva mostra dedicata a Luigi Vanvitelli alla Biblioteca Nazionale di Napoli
SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Venerdì 15 settembre 2023 | ore 15:30

Nell’anno delle Celebrazioni Vanvitelliane per il 250° anniversario della morte del grande architetto italiano, il Premio Siti Reali, iniziativa giunta all’ottava edizione promossa dall’omonima Associazione con il sostegno della Regione Campania, ricorda Luigi Vanvitelli con una visita gratuita riservata ai Soci alla mostra organizzata dalla Biblioteca Nazionale di Napoli (già Reale biblioteca borbonica) il prossimo 15 settembre alle ore 15:30, nel giorno conclusivo dell’iniziativa espositiva.

La visita sarà illustrata dai curatori della mostra, grazie alla disponibilità della Direttrice Dr.ssa Maria IANNOTTI, che accompagneranno lungo il percorso espositivo allestito nelle monumentali sale della Biblioteca i Soci dell’Associazione, che potranno ammirare mappe, disegni e documenti provenienti da un fondo della raccolta Camillo Minieri Riccio con i quali la Biblioteca Nazionale di Napoli ha evidenziato quella che è stata parte dell’attività di Luigi Vanvitelli tra il Regno di Napoli e Terra di lavoro, approfondendo alcuni aspetti logistici, professionali, progettuali.

Bruno-Cristillo-Fotografo
simplyweb2024-336
Bruno-Cristillo-Fotografo
previous arrow
next arrow

I documenti in mostra, oltre a chiarire aspetti cruciali circa le risorse economiche e umane relative alla fabbrica della Reggia di Caserta e dei suoi giardini, attestano note sulle misurazioni delle acque, sui materiali da trasportare, sul percorso relativo alla costruzione dell’Acquedotto Carolino che avrebbe fornito il necessario apporto idrico alla residenza reale.

Nel percorso esposito, inoltre, i visitatori potranno scoprire la variegata capacità e i molteplici interessi e contributi che il genio vanvitelliano fornì a partire dal 1751 al regno delle Due Sicilie per volere di Carlo di Borbone, con opere legate allo sviluppo urbano di Napoli, l’attività di scenografo per ricorrenze celebrative della famiglia reale e quella editoriale per la grande impresa della riscoperta di Ercolano e Pompei e delle antichità vesuviane.