Vivere senza condizionatori? Si può.

SANCARLO50-700
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

Dopo una lunga attesa, è finalmente arrivata l’estate facendosi sentire fin da subito con grande prepotenza. Ebbene si, nel giro di pochi giorni se non addirittura ore, in alcune regioni si è passati da un clima fresco caratterizzato da temperature molto al di sotto rispetto alla media del periodo, a temperature che sfiorano i 40 gradi.

Gli esperti prospettano un’estate davvero bollente con cui dovremo convivere ancora per qualche mese: mare, piscina, condizionatori, bibite fresche e docce saranno i nostri aiutanti.

glp-auto-336x280
lisandro

In realtà i danni provocati da questo caldo anomalo e afoso vanno ben oltre.

Presi dal desiderio di rinfrescarci, dimentichiamo quello che ormai gli esperti ripetono da anni specialmente a proposito dell’uso dei condizionatori.

La forte richiesta di elettricità dovuta all’uso di condizionatori d’aria nelle giornate più calde ha come conseguenza un significativo aumento di gas nocivi immessi nell’atmosfera, come anidride solforosa, ossido di azoto e anidride carbonica.

Inoltre nelle giornate in cui la temperatura è più elevata, infatti, la richiesta di elettricità diventa così forte da comportare il funzionamento a pieno regime delle centrali elettriche esistenti, ma anche l’attivazione delle centrali “di riserva” che sono spesso, essendo più vecchie ed inquinanti, portano un ulteriore aumento delle emissioni.

Certo, avere un sistema di raffreddamento del genere laddove necessario ha i suoi vantaggi; non è certo un segreto che avere una casa fresca significa vivere in un ambiente confortevole.

Ma le soluzioni per il risparmio energetico non mancano.

I continui progressi a cui assistiamo nel campo dell’energia e lo sviluppo di nuove tecnologie di raffreddamento potrebbero ridurre l’impatto del consumo di energia in modo sostanziale.

Le cabine elettriche prefabbricate omologate Enel della Campania e del sud Italia, possono svolgere un ruolo molto importante soprattutto nelle aziende nelle quali il consumo di energia elettrica è alto.

A parte le aziende, anche noi possiamo mettere in atto una serie trucchi per rinfrescare la nostra casa.

È importante chiudere le finestre, non solo quelle esposte al sole. Può sembrare un controsenso, ma quando fuori fa molto caldo, una finestra aperta rischia di far aumentare la temperatura all’interno. Al contrario è opportuno spalancare porte e finestre durante la notte per far circolare aria fresca, chiudendole al mattino insieme a serrande e persiane, per riaprirle dopo il tramonto.

Anche collocare delle piante sulle finestre e sui balconi può avere la sua utilità: esse assorbono parte del calore generato dal sole e producono ossigeno.

Molto importante è anche passare delle ore all’aria aperta nelle fasce orarie più fresche, ossia prima delle 10 e dopo le 18.

Gli spazi verdi e la natura portano grandi benefici alla nostra salute come afferma lo stesso Ministero della salute.

Alberi, fiumi, laghi, piante e fiori migliorano il rendimento cerebrale, riducono lo stress e rigenerano il nostro corpo mantenendo a lungo quella piacevole sensazione di frescura.