“Noi Voci di Donne” lancia il progetto “Porte aperte alla città” per riqualificare le piazze di Caserta

Caserta – Parte il progetto “Porte Aperte alla Città” di Noi Voci di Donne promosso Ufficio Interdistrettuale di esecuzione Penale Esterna- CAMPANIA per l’anno 2020. Le attività progettuali prevedono la riqualificazione e il riordino di alcune piazze di Caserta come: Piazzetta Padre Pio, Villette di Piazza Cavour e Via Buozzi in Rione Tescione, Piazza Cattaneo (in supporto al servizio comunale).

Un gruppo di detenuti, in esecuzione penale esterna si impegnerà, sotto la guida degli operatori di Noi Voci di Donne, a rendere più fruibili alcune piazze della cittadina fino alla chiusura dell’anno 2020.

La Presidente di Noi Voci di Donne dott.ssa Pina Farina spiega: “L’dea progettuale di Porte Aperte alla Città, ha come obiettivo l’integrazione sociale e culturale dei destinatari, facilitare il senso di autonomia, abbattere gli stereotipi e pregiudizi nei confronti di chi ha sbagliato, migliorare la consapevolezza di sé stessi, ma soprattutto acquisire una rinnovata coscienza civica nel rispetto della cittadinanza e costituzione. Da anni lavoriamo per il reinserimento sociale perché crediamo che per migliorare la sicurezza pubblica è necessario rieducare  chi negli anni ha assunto condotte antisociali. Il nostro è un impegno quotidiano che ci richiede non pochi sacrifici ma che  con grande  determinazione, coraggio e professionalità affrontiamo. La nostra collaborazione con l’ufficio esecuzione penale esterna di Caserta è sancita da un patto di collaborazione  e di impegni assunti in maniera reciproca,  ma soprattutto da una grande stima professionale“.

La direttrice del UEPE di Caserta Dott.ssa Maria Laura Forte si dice entusiasta e dichiara: “Siamo soddisfatti per la riuscita di questo progetto finanziato dal dipartimento giustizia minorile di comunità, elaborato dal UEPE di Caserta. Come già negli anni scorsi, anche quest’anno  le iniziative progettuali,  come quella posta in essere nella città di Caserta, mirano a favorire l’inclusione sociale di quei soggetti che stanno espiando una condanna definitiva in misura alternativa alla detenzione al momento sottoposti a misura o sanzione di comunità, dandogli così, la possibilità di approcciarsi ad una realtà sociale sana come Noi Voci di Donne. Siamo contenti di lavorare per  il risanamento di alcuni luoghi pubblici del Comune di Caserta che è la città capoluogo di provincia e che ospita anche i nostri uffici, augurandoci di  instaurare  un’intesa  con l’ente comunale affinché apra ulteriori prospettive di collaborazioni  con il  nostro ufficio per il reinserimento e l’inclusione sociale delle persone da noi seguite”.

L’Assessore alla Cultura Prof.ssa Lucia Monaco si dice orgogliosa di aver collaborato alla realizzazione del progetto, individuando le piazze  che versano in condizioni di emergenza a causa dello stato di abbandono e  vandalismo e afferma: “Il Comune di Caserta, nonostante le numerose difficoltà quotidiane che cerca di fronteggiare, ha accolto con entusiasmo la proposta progettuale  e ringrazia quanti hanno lavorato e lavoreranno affinché questo progetto giunga al termine con risultati eccellenti. Abbiamo bisogno di risorse e di organizzazioni sane che mettano a disposizione il proprio operato per migliora la nostra città“.