A San Leucio Workshop di Valorizzazione delle Eccellenze Enogastronomiche Campane

Eccellenze enogastronomiche Campane
HONDALIVETOUR
SANCARLO50-700
previous arrow
next arrow

L’evento si propone anche di creare opportunità di networking e di collaborazione tra i partecipanti, favorendo lo scambio di idee, conoscenze e esperienze nel campo dell’enogastronomia campana.

Il Workshop “Valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche Campane” si svolgerà in un’atmosfera professionale e coinvolgente, dove gli esperti del settore avranno la possibilità di mettere in luce le loro competenze e le loro esperienze, contribuendo così a promuovere il patrimonio culinario della Campania.

glp-auto-336x280
lisandro

Nella splendida location del Real Belvedere di San Leucio di Caserta si terrà martedì 23 aprile il Workshop “Valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche Campane”. Questo importante evento è stato promosso da IRVAT – Istituto per la Valorizzazione e Tutela dei Prodotti Regionali, con il supporto della Regione Campania e il patrocinio del Comune di Caserta, del CONAF, del CN Agrotecnici, del CN Periti Agrari, del CN Tecnologi Alimentari, della FNOVI, della FNOB, del CREA, dell’IZS Campania e Basilicata, dell’ANCI Campania, della Provincia di Caserta, della CCIAA di Caserta, del Museo dell’arte, del Vino e della Vite, del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP, del Consorzio di Tutela Ricotta di Bufala Campana, del Consorzio di Tutela Melannurca Campana IGP, della Rete San Leucio Texile, di Vitica Consorzio Tutela Vini Caserta, di Sannio Consorzio Tutela Vini, del Consorzio Tutela Vini del Vesuvio, del Consorzio Tutela Vini dell’Irpinia, del Consorzio Tutela Vini Salernum Vites, del Consorzio Tutela Vini Campi Flegrei, del network Le strade della Mozzarella e del network Pepe in Grani.

Questo evento rappresenta un’opportunità unica per promuovere e valorizzare le eccellenze enogastronomiche della regione Campania. Saranno presenti esperti del settore, appassionati, produttori e professionisti che lavorano a stretto contatto con l’enogastronomia campana.

Durante il workshop, si terranno una serie di conferenze, seminari e degustazioni, con l’obiettivo di approfondire le conoscenze sulle produzioni tipiche campane, come la mozzarella di bufala campana DOP, la ricotta di bufala campana e la melannurca campana IGP. Inoltre, saranno presenti rappresentanti dei consorzi di tutela dei vini di Caserta, Sannio, Vesuvio, Irpinia, Salernum Vites e Campi Flegrei, che illustreranno le caratteristiche e le peculiarità dei loro prodotti.

I lavori si apriranno con i saluti di Carlo Marino Sindaco di Caserta e Presidente ANCI, Giorgio Magliocca, Presidente della Provincia di Caserta, Tommaso De Simone Presidente della CCIAA di Caserta, Domenico Raimondo, Presidente del Consorzio tutela Mozzarella di Bufala Campana, Benito Lavecchia, Presidente del Consorzio tutela Ricotta di Bufala Campana, Gustavo Ascione, Presidente della Rete San Leucio Texile, Giuseppe Giaccio, Presidente del Consorzio Tutela Melannurca Campana IGP, Cesare Avenia, Presidente di Vitica Consorzio Tutela Vini Caserta, Michele Farro, Presidente del Consorzio Tutela Vini Campi Flegrei.

A seguire la presentazione dell’evento a cura di Ciro Costagliola, Presidente dell’IRVAT. Si entrerà nel vivo del workshop con il coordinamento di Carmela Cotrone, esperto in cooperazione internazionale e con le relazioni di Mauro Uniformi, Presidente del Consiglio Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali: “Il ruolo degli agronomi nella promozione delle eccellenze enogastronomiche”, Roberto Orlandi, Presidente del Consiglio Nazionale Agrotecnici e agrotecnici laureati: “I professionisti nel comparto delle produzioni di qualità e dell’esportazione verso i mercati internazionali”, Mario Braga, Presidente del Consiglio Nazionale Periti Agrari e periti agrari laureati: “I tecnici nel sistema produttivo del mercato globale” Laura Mongiello, Presidente del Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Tecnologi alimentari: “Valorizzazione e tutela dei prodotti a marchio di qualità nel mercato internazionale, Antonio Limone, Consigliere della Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani e D.G. Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: “Le piccole produzioni locali ai tempi del villaggio globale”, Vincenzo D’Anna, Presidente della Federazione Nazionale Ordini Biologi: “L’inquinamento ambientale e la sicurezza alimentare”, Salvatore Claps, Direttore del CREA – Zootecnia e Acquacoltura: “Il ruolo della formazione per la valorizzazione delle produzioni lattiero-casearie tradizionali”,  Barbara Guerra, LSDM e 50 top pizza: “Il ruolo della pizza per la valorizzazione dei prodotti tipici”, Eugenio Gervasio: Founder & CEO MAVV Wine Art Museum “L’esperienza del MAVV, museo del vino per la promozione delle eccellenze enogastronomiche”, Franco Pepe, Pizzaiolo di fama internazionale: “La pizza messaggio di cultura e tradizione“. Le conclusioni con l’approvazione di un documento finale sono affidate a Nicola Caputo, Assessore all’Agricoltura della Regione Campania. Seguirà la visita guidata al Belvedere di San Leucio ed al Museo della seta.

Il Workshop ha l’obiettivo di promuovere una riflessione congiunta sulla strategia di rafforzamento nei mercati internazionali dei prodotti agroalimentari campani in un’ottica di sviluppo sostenibile dei territori più svantaggiati, anche indagando ed approfondendo opportunità di cooperazione internazionale.

In questo ambito si inserisce la Dichiarazione Med Diet: un’iniziativa del progetto di cooperazione europea Interreg MED “MD.net – When a Brand Meets People” che, con il supporto finanziario della Commissione Europea, dal 2018 sta lavorando alla realizzazione di una rete internazionale di attori economici e sociali che, nella loro attività, assegnano rilievo e visibilità ai valori della Dieta Mediterranea, a abitudini alimentari, stili di vita, produzioni locali, competenze, tradizioni, cultura con un diretto riflesso su economia, turismo e sviluppo rurale sostenibile.

L’inserimento nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale Unesco, ha riconosciuto un ruolo importante alla Dieta Mediterranea, come modello di produzione e alimentazione dal ridotto impatto ambientale, che va oltre i confini identitari territoriali o alimentari, e che può rappresentare un atout competitivo nel mercato internazionale e un riferimento per affrontare le sfide dello sviluppo sostenibile dell’Agenda ONU 2030 e la strategia Europea Farm to Fork.

Hanno dato un contributo alla stesura del documento finale i sindaci: Antonio Trombetta, Marcianise, Adolfo Villano, Capua, Stefano Giaquinto, Caiazzo, Raffaele Ambrosca, Cancello Arnone, Giuseppe Mariniello, Lusciano, Pasquale Di Fruscio, Pietramelara, Andrea Pirozzi, S. Maria a Vico, Emilio Nuzzo, San Felice a Cancello, Luigi Umberto Petrella, Castel Volturno, Salvatore Geremia, Rocchetta e Croce, Salvatore Montone, Letino.

La sottoscrizione della Dichiarazione Med Diet consente di entrare a far parte di una rete internazionale attualmente composta da 270 operatori di nove paesi europei – l’Euro-Cluster MD.net, registrato nella Piattaforma degli Eurocluster della Commissione Europea – con i quali interagire e avviare iniziative congiunte secondo questi comuni principi per perseguire strategie di maggiore impatto nella competizione internazionale.