Zampone con le lenticchie

Zampone con le lenticchie

Lo Zampone è nato nel 1511 a Mirandola, in quanto la carne di maiale necessitava di essere conservata a lungo, per colpa dell’assedio di Papa Giulio II. Per evitare che i maiali cadessero nelle mani degli invasori, macellarono tutto il bestiame e insaccarono la carne nelle zampe dei suini, inventando un originale metodo di conservazione e un prodotto finito che, ancora adesso, allieta le tavole di tutta Italia.

Ingredienti per 8 persone

600 gr di lenticchie piccole rosse secche
1 zampone
2 cipolline fresche
1 carota
2 coste di sedano
5 cucchiai di olio extra

Preparazione

Lessare in abbondante acqua le lenticchie lavate. A ebollizione, cuocere i legumi per circa 30 minuti. Preparare il soffritto lavando e affettando le verdure e facendole rosolare nell’olio. Dopo un 5 minuti, unire tutte le lenticchie (consiglio una larga pentola dal fondo doppio e bassa) e far cuocere una ventina di minuti.

Scaldare lo Zampone nella sua confezione, in acqua fredda e portata a ebollizione per 25 minuti. Fare un buco nell’alluminio ed eliminare il liquido in eccesso. Affettare e aggiungere in pentola con le lenticchie. Far insaporire ancora per 30 minuti. Solo ora aggiustare di sale. Va servito caldo.